Lun. Feb 26th, 2024

“Da Pegli a Carloforte”: testimonianze, storia e tradizioni che legano le due cittadine

“Da Pegli a Carloforte-Viaggio nella tabarchinità”, il report del terzo incontro in live streaming, del12 giugno 2021

Sabato 12 giugno dalle 17.30 alle 18.15 l’Associazione Culturale “Pegli Live” ha proposto il terzo incontro in live streaming dell’interessante rassegna culturale sulla “tabarchinità” e sulla cultura Tabarchina, preludio anche di un viaggio culturale che si terrà a settembre in Sardegna tra natura, storia e tradizioni.

Di Nicoletta Lamberti

Per il primo ed il secondo evento della rassegna culturale, sotto il patrocinio del Comune di Carloforte, del Comune di Genova e del Municipio VII Ponente, vi è stato un grande interesse oltreché notevoli visualizzazioni sulle pagine Facebook tra “diretta” e “registrato”.

Hanno organizzato l’eventol’Associazione Culturale “Pegli Live” conla collaborazione dell’“Associazione Culturale Saphyrina Carloforte”, “Asuciasiun cultürole tabarchiña” e del “Circolo Culturale Norberto Sopranzi” di Pegli. I partners di questa meravigliosa avventura nel mondo tabarchino sono Carloforte Project (Social Partner) e Polis Sa Magazine (Media Partner).

In merito ai tre incontri in livestreaming abbiamo raccolto la dichiarazione di Antonello Rivano, Capo redazione di Polis SA Magazine,  e facente parte dei promotori di “Da Pegli a Carloforte-Viaggio nella Tabarchinità”: 《Questi tre incontri sono stati una esperienza indimenticabile, che ho vissuto sia come facente parte del Team promotore del progetto che come capo redazione di Polis Sa Magazine, media partner degli eventi ad esso collegati. I numeri ci raccontano di un vivo interessamento per ciò che riguarda la storia e la cultura tabarchina, che coinvolge le comunità di Pegli (Liguria), Carloforte e Calasetta (Sardegna), Nueva Tabarca (Spagna) e Tabarca (Tunisi).

Con “Da Pegli a Carloforte-Viaggio nella tabarchinità”, secondo le intenzioni dei promotori, si intende dare inizio a qualcosa che possa coinvolgere non solo chi conosce la nostra storia e le nostre terre, ma anche tutti coloro che, nell’ambito di un turismo culturale ed emozionale, vogliano fare un viaggio tra i paesaggi, la storia e la cultura tabarchini, senza tralasciarne l’aspetto enogastronomico. Per questo “primo passo” abbiamo preferito non allargare troppo il raggio d’azione, soprattutto a causa dell’incertezza dovuta all’emergenza Covid, limitandoci a Pegli e Carloforte, anche se nel viaggio che si farà a settembre, è prevista una tappa a Calasetta e la visita a ”Raixe-spazi digitali per la cultura tabarchina“, che a Calasetta ha sede.

-L’interno della sede museale di RAIXE a Calasetta-

In futuro, grazie anche all’esperienza accumulata in questa prima tappa, si spera di allargare il viaggio da, e per, gli altri luoghi della tabarchinità


Rivano ha poi proseguito: 《 per questa rassegna culturale online devo ringraziare i relatori, esperti di tutto ciò che concerne la tabarchinità, e i rappresentanti istituzionali del Comune di Genova, Municipio VII Ponente e Comune di Carloforte, enti che hanno dato sia il loro patrocinio, che hanno partecipato agli incontri sulla piattaforma ZOOM.

Antonello Rivano

Un grazie di cuore va soprattutto a colori che assieme a me hanno intrapreso questo “viaggio” introduttivo di quello che si terrà fisicamente a settembre da Pegli (Genova) a Carloforte. Grazie a Fulvia Rivano, la consulente turistica che ha pensato questo progetto e ci ha creduto anche durante una fase difficile per tutti, coinvolgendomi sin dall’inizio. Grazie a Rowena e Heidi Milan, e a Enrico Appiani, dell’Associazione Culturale Pegli Live. Senza il loro entusiasmo, la loro passione e professionalità, alla macchinina organizzativa sarebbe mancato il carburante. Siamo solo in una delle fasi del viaggio, il percorso per arrivare alla terza decade di settembre è ancora lungo, ma con un equipaggio cosi andrei in capo al mondo! Un ringraziamento, infine, alla mia redazione di Polis SA Magazine, soprattutto alla vicecoordinatrice nazionale Nicoletta Lamberti (autrice di tutti i report degli incontri online), che mi ha dato testimonianza e conferma, di come l’epopea tabarchina, la sua storia e la sua cultura, possano affascinare anche coloro a cui erano sconosciute e lontane. A tutti dico … state collegati, perché siamo solo all’inizio del viaggio!



Il report del terzo incontro

Heidi Milan dell’Associazione Culturale “Pegli Live” introduce il terzo appuntamento – nel quale si parlerà in particolare delle storie che legano le due cittadine: Pegli e Carloforte – passando la parola subito al Sindaco di Carloforte e a Aureliana Curcio.

Il sindaco di Carloforte, Salvatore Puggioni, interviene alla rassegna precisando come il momento difficile sia passato e che la Sardegna ha salvaguardato come altre regioni il diritto alla salute, ma che ora è il momento di ricominciare.

Aureliana Curcio, Assessore al Turismo e alla Cultura del Comune di Carloforte, saluta e ringrazia gli organizzatori, tra cui Fulvia Rivano, Heidi Milan ed Antonello Rivano, che ha coordinato i lavori, i relatori degli incontri e tutti i partecipanti in diretta streaming.

Il moderatore dell’evento è Antonello Rivano, carlofortino e cultore dell’epopea tabarchina, un “tabarchino” puro, uno dei promotori del progetto, caporedattore del magazine on line Polis SA Magazine, media partner, divulgatore sul web che collabora anche su numerosi canali sia su facebook sia su altre piattaforme, inclinato al mondo tabarchino e alle due regioni Liguria e Sardegna in cui vive.

Antonello Rivano introduce gli interventi di Mauro Avvenente ed Enzo Dagnino, due “tabarchini doc”.  Mauro Avvenente, consigliere di minoranza del Comune di Genova, è un profondo conoscitore dei rapporti tra le Comunità tabarchine, promotore della richiesta di riconoscimento all’UNESCO della Cultura Tabarchina quale “patrimonio culturale immateriale dell’umanità” proposta dalla Tunisia e sostenuta dall’Italia e dalla Spagna. Interviene con “500 anni di storia comune, l’emozione di un incontro” rimacando  nuovamente come mai l’epopea tabarchina non abbia ancora ricevuto il riconoscimento dell’UNESCO, tenuto conto che tale riconoscimento è dovuto soprattutto perché la stessa lingua è stata mantenuta in vita da oltre 500 anni e che i rapporti tra le comunità di Genova Pegli, Calasetta e Carloforte non si sono mai interrotti. Avvenente ripercorre tutti i percorsi istituzionali con l’approvazione di atti amministrativi e delibere adottati dai Comuni di Genova, Calasetta e Carloforte, l’avvio della pratica nel 2018  di  riconoscimento dell’UNESCO e la promozione dei gemellaggi e dei rapporti tra le comunità tabarchine, soprattutto dei comuni di Genova, Calasetta e Carloforte.

Enzo Dagnino, cultore e appassionato dell’epopea tabarchina, Circolo Culturale Norberto Sopranzi di Pegli, interverrà con “Secoli di sacrifici nello scenario del mediterraneo” ripercorrendo tutta l’Epopea Tabarchina a partire dal 1542 con la partenza da Genova Pegli dei pescatori di corallo, spinti dai Lomellini e dai Doria, a Tabarca e successivamente nel 1738 il rifugio dei tabarchini presso l’Isola di San Pietro, nonché tutte le lotte che ha fatto il popolo tabarchino per mantenere l’aspetto religioso, le tradizioni e la lingua.

Antonello Rivano presenta Fulvia Rivano, consulente turistica con esperienza trentennale – che con la collaborazione di alcune agenzie viaggi, tra cui CV Cantore Viaggi” di Genova, “Il mondo a colori di Genova Pegli, “Mako Tour” di Genova Sestri Ponente e Tabarka Viaggidi Carloforte –  presenta i dettagli sull’organizzazione del viaggio in nave  in Sardegna con partenza il 22 Settembre da Genova per Porto Torres, con arrivo in Sardegna il 23 settembre. Dopo varie escursioni ed immersioni emozionali nella cultura tabarchina si approda anche a Calasetta il 26 con rientro a Genova il 27 settembre.

Il titolare di Tabarka Viaggi Carloforte e Natalia Lapicca, guida turistica carlopfortina, espongono dettagliatamente il programma di questo viaggio nel tempo e nello spazio, a Carloforte, anche dal punto di vista logistico, nel quale sono previste escursioni anche di trekking. Lapicca spiega che il viaggio in traghetto è certamente l’esperienza più importante ed emozionante in quanto porterà i partecipanti dentro la Storia dei tabarchini e nei carrugi di Carloforte.

Mauro Vacca ringrazia l’associazione Pegli Live e spiega che lui, insieme a sua cugina Maurizia Canale, collegata da Milano, sono discendenti di una delle famiglie che hanno fondato Carloforte, creata grazie a Carlo Emanuele di Savoia, tutte notizie apprese dalla Parrocchia di Carloforte.

Juan Pedro Borghero, collegato dall’Argentina, ringrazia per i tre incontri sull’epopea tabarchina.

Enrico Appiani di Pegli Live rappresenta che la puntata, seppur molto lunga, era correlata soprattutto al viaggio fisico a Carloforte ed a i ricordi dei partecipanti.

Heidi Milan dell’Associazione Pegli Live conclude l’ultimo appuntamento ringraziando tutti e dando appuntamento per ulteriori iniziative, e per il viaggio a settembre a Carloforte.

L’incontro era fruibile sulla piattaforma Zoom al link: https://us02web.zoom.us/j/86883234146; è andato in diretta sulla Pagina Facebook di “Associazione Culturale Pegli Live”, “Polis Sa Magazine”, “Carloforte Project – Informazioni e notizie” e su “Carloforte Project gruppo”.
Per rivedere l’incontro: https://fb.watch/6894ZdCADT/

Buon viaggio a settembre 2021 nella “Tabarchinità”!

Nicoletta Lamberti
Redazione Cultura
Vice coordinatore nazionale Polis SA magazine

Articoli correlati: https://www.istitutogalanteoliva.it/magazine/?s=Viaggio+nella+tabarchinit%C3%A0
image_printDownload in PDF

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *