Lun. Mag 17th, 2021

Malcontento nazional-popolare, fra percezione e realtà

Il 2 giugno le Frecce Tricolore attraversano i cieli della Capitale sorvolando la parata militare in Via dei Fori Imperiali, dove si celebrano i 70 anni della Repubblica. Prima, seconda, delle banane… Tanti gli attributi affibbiati nella storia alla nostra ormai anziana forma di governo. Il folklore che esplode, facendo sussultare l’Altare della Patria, è versione istituzionale di quello che animerà poi le “solenni adunanze” di tifosi che seguiranno la nazionale di calcio impegnata negli Europei parigini. “Già… noi non siamo mica come i nostri cugini d’Oltralpe che manifestano per il tempo libero e rispondono duramente a una riforma impopolare, noi siamo italiani solo in vista dei tornei calcistici e quando è rosso il calendario”. Peccato che molti, di quelli che così proferiscono, si accingano a trascorre il corrente mese con la testa nel pallone, alimentandosi a birra e patatine. Questo è il problema generalmente diffuso: si preferisce l’indignazione pressappochista all’azione, rifiutando categoricamente ogni tentativo di un intervento marginalmente migliorativo. La disapprovazione non è quasi mai cosciente, spesso costruire solide basi che la sostengano è troppo oneroso e quindi, come sempre, “le contromisure si limitavano all’invettiva”. Perciò, tu, giovane universitario che si ritaglia il tempo per un bagno tra un esame e l’altro, sii pronto a imbatterti, calpestando il bagnasciuga, in ex bancari pensionati, sedicenti ex sessantottini che ti puntano l’indice contro, esortando sempre e solo te a prendere parte a una fantomatica rivoluzione “più o meno” violenta; quanto a loro, sono impegnati a cercare una raccomandazione per i loro figli, della tua stessa età. In verità, prescindendo dai Masaniello del terzo millennio, il malessere generalizzato è comunque spiegabile: L’indice di percezione della corruzione intorno al 90 per cento (dato più alto tra i Paesi sviluppati secondo l’OCSE), l’analfabetismo funzionale che tocca la soglia del 47%, la crescente emigrazione giovanile sono agenti patogeni, quanto meno allarmi inascoltati… Il contesto induce a volgere lo sguardo altrove, cercando di intravedere l’eden, o almeno uno straccio di posto migliore. Spesso la meta si trova oltre la Manica: sono tanti gli italiani che approdano in Gran Bretagna alla ricerca di opportunità lavorative o universitarie. Forse ancora per poco, attendendo l’esito del Brexit…

Il recente intervento di Roberto Saviano al Parlamento Britannico su invito del laburista David Lammy, però, riconduce alla vetusta massima: “tutto il mondo è paese”. Lo scrittore, infatti, ha evocato un documento pubblicato da “Transparency Uk” a marzo del 2015 che definiva il mercato immobiliare inglese come “rifugio di capitali segreti e soldi sporchi”, senza però alcun esplicito riferimento alle organizzazioni criminali. Considerati i 74 miliardi di euro riciclati complessivamente nel Regno Unito, non sarebbe peregrino il rimando concettuale a una grande Corleone – Italia – di 50 anni fa, in cui si negava l’esistenza stessa della mafia. Si vuole giungere a porre delle questioni di non facile soluzione: «Qual è il confine tra percezione ed esistenza del malaffare? Quale delle due ha un’incidenza maggiore nelle nostre vite? Perché nel Regno Unito la corruzione – a quanto pare – c’è, non si vede, e sembra non turbare la vita dell’uomo comune, almeno non tanto quanto in Italia?». Certo, sarebbe improbo pretendere risposte dal pantofolaio pronto a scovare nella formazioni dell’Albania e dell’Islanda i nuovi acquisti per il prossimo fantacalcio, quindi desistiamo. Ci concediamo solo una riflessione: nonostante la imperversante sindrome da fanalino di coda, dovremmo imparare a repellere l’idea che la cura dei nostri problemi passi attraverso il proposito di una pedissequa imitazione altrui, che finisce per manifestarsi in un triste scimmiottamento esterofilo

Francesco Santoriello

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *