Lun. Mag 17th, 2021

“Smart Working”, il nuovo libro di Federico Bergaminelli

“L’emergenza coronavirus ha cambiato molti aspetti della nostra vita, tra cui sicuramente quello del lavoro.”

Smart Working, che cos’è, a cosa serve, perché è importante. Federico Bergaminelli ce lo spiega nel suo nuovo libro.

Di Nicoletta Lamberti

“Smart Working – che cos’è, a cosa serve, perché è importante”, edito nel 2020 da Polis SA Edizioni, è un manuale conciso ed essenziale dell’avvocato Federico Bergaminelli, Presidente dell’Istituto Italiano Anticorruzione, associato di diritto Pubblico all’Università degli Studi di Pisa.

“Lo smart Working nelle zone d’Italia colpite dall’epidemia è, infatti, diventato la misura adottata da tante aziende per cercare di ridurre al minimo le possibilità di contagio.”

La prefazione è di Giovanni Cafaro, Presidente Nazionale Confunisco; la premessa, di Dott.ssa Gabriella Ancora, Presidente Nazionale CIU.

“Parlare di smart working non è una cosa facile, qualcuno ha perfino insinuato che il lavoro agile sarebbe una scusa per non fare nulla, mentre invece è esattamente il contrario.”

La Copertina di Smart Working
-La Copertina di Smart Working

Che cos’è

“Come si può leggere sul sito del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, «lo Smart Working (o Lavoro Agile) è una modalità di esecuzione del rapporto di lavoro subordinato caratterizzato dall’assenza di vincoli orari o spaziali e da un’organizzazione per fasi, cicli e obiettivi, stabilita mediante accordo tra dipendente e datore di lavoro. Si tratta di una modalità che aiuta il lavoratore a conciliare i tempi di vita e lavoro e, al contempo, favorisce la crescita della sua produttività».”

Federico Bergaminelli esamina il c.d. Smart Working o Lavoro Agile ( “metodologia Agile” in origine nel 2001 a Snowbird nello Utah – USA) partendo dalle sue peculiarità e caratteristiche all’accordo con il lavoratore, incluso l’utilizzo della tecnologia, approfondendone il contesto normativo (Legge n. 81 del 22/05/2017) e gli altri riferimenti legislativi allo Statuto dei Lavoratori (Legge 300/70) ed analizzando con particolare attenzione il trattamento dei dati personali (Privacy) e la cybersecurity.

A cosa serve

-Federico Bergaminelli-

L’Avv. Federico Bergaminelli analizza i vantaggi dello Smart Working, come quello del bilanciamento tra la vita professionale con quella privata, la “migliore organizzazione familiare soprattutto per chi ha figli piccoli o in età scolare”, il risparmio di tempo e denaro, i benefici per l’ambiente e per la salute della popolazione “in ottica di sostenibilità ambientale” e che comporta “soprattutto, abbattimento drastico dell’inquinamento”.

Tra i lati negativi dello Smart Working sono rilevanti la mancanza del contatto umano coi colleghi ed è molto difficile scindere la sfera personale da quella lavorativa in quanto “il confine tra lavoro e vita privata è quasi scomparso.”

Perché è importante

Nell’”epoca del Coronavirus” lo Smart Working – da non considerare come “il male della “P.A.” – è stato l’ancora di salvataggio sia delle aziende private sia della Pubblica Amministrazione, consentendo alle imprese di continuare a produrre ed allo Stato di svolgere i suoi servizi essenziali ed indifferibili.

“La vera rivoluzione del mondo del lavoro può iniziare da qui, dal pensare che non è la scrivania a fare il lavoro, ma la persona.”

L’autore – che conclude affermando che “da questo punto di vi­sta il virus va visto come grande opportunità.” – commenta che “…le relazioni umane, le emozioni, i sentimenti, non sono sostituibili, e le competenze cosiddette “soft”, come l’empatia e l’intelligenza emotiva, sono in realtà le più forti e importanti che abbiamo, nonché quelle meno replicabili nemmeno dalla più sofisticata Intelligenza Artificiale.”

Nicoletta Lamberti

Il libro è ordinabile presso il sito dell’editore https://www.edizionipolis.it/index.php?id_product=39&controller=product&id_lang=2

info@federicobergaminelli.com

www.federicobergaminelli.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *