Bang, in attesa del firing day

Cosa sta succedendo nel mondo del lavoro, tra la gente e con la gente?

di Mimmo Oliva

Qualche tempo fa avevo percepito come una sorta  di lavoro a due tempi: il primo di lavoro gratuito e il secondo che prevede un bel contratto da precario. Ne bisogna aggiungere un terzo: il lavoro dilatato, senza tempo e senza certezza del salario, insomma una vera e propria deformazione del lavoro che ti devasta la vita.

Cosa sta succedendo nel mondo del lavoro, tra la gente e con la gente? Devastazione

 E quale oggi il rapporto con le Istituzioni e tra chi è rimasto a lavorare in trincea? Nessuno

Si è avuta la capacità, mai riuscita in precedenza, di fare prigionieri datori di lavoro e lavoratori allo stesso tempo attraverso i DPCM. Allunghi il divieto di licenziamento? Metti in condizione i lavoratori di non dare le dimissioni? Ed ecco le soluzioni: dimissioni per giusta causa e contrattazioni di secondo livello per aiutare entrambi.

Vi è però, e finalmente direi, un cambio di mentalità: non si ha più voglia di lavorare in certe condizioni, ed è per questo che bisogna urgentemente intervenire sui meccanismi del mercato del lavoro e delle politiche che lo regolano. Per esempio:  perché non utilizzare a piene mani lo smart working stando nei piccoli comuni ? E magari prevedendo anche una sorta di premialità?

Nel 2017 lessi, e non per caso, una lunghissima intervista di Landini sulla rivista Italiani Europei, e nonostante la rilettura ulteriore (a volte si è masochisti) non riuscii a intravedere alcuna affermazione che ponesse una soluzione, una qualche prospettiva. Fece semplicemente, e direi banalmente, una fotografia dello status quo, ma non bastava allora e non basta adesso, perché continua a farlo e non capisce che bisogna porsi in altri modi e con altri tempi,  vi è bisogno di rimodularsi e fare un tuffo tra le onde della contemporaneità. Cito Landini semplicemente perché gli altri sono scomparsi.

E nulla avviene per caso: non si possono produrre decenni di politiche del lavoro, destrutturandone il mercato, distruttive di intere generazioni  e poi meravigliarsi. Io non sono nemmeno certo che si voglia risolvere il problema, abbiamo una classe politica così miope e incapace che non riesce a pensare al moltiplicarsi dei disagi e delle disuguaglianze se non quale moltiplicazione dei consensi, per gestirne e controllarne i processi.

Rimaniamo in attesa del firing day, il giorno del licenziamento. Qui, nel Paese dei balocchi…

1 thought on “Bang, in attesa del firing day

  1. Citi giustamente Landini. È l’emblema di un sindacato cresciuto negli anni ’70 e disorientatosi già negli anni ’80. Un sindacato che ha costretto Trentin a dimettersi per poi richiamarlo perché non ce la faceva ad affrontare il futuro. Un sindacato che ancora cerca la fabbrica, ma quando la trova non la riconosce più.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Editoriale

di Mimmo Oliva

Morire a 10 anni per Tik Tok

Dopo il caso della bimba di Palermo, il Garante privacy dispone il blocco del social. l’Autorità ha deciso l intervento al fine di assicurare immediata tutela ai minori iscritti al...

Bang, in attesa del firing day

Cosa sta succedendo nel mondo del lavoro, tra la gente e con la gente? di Mimmo Oliva Qualche tempo fa avevo percepito come una sorta  di lavoro a due tempi:...

Ciao Gigi, grazie!

"Però ‘n se fa così, tutto de botto.Svejasse e nun trovatte, esse de colpo a lutto." di Marco Caruso La sera del primo novembre durante il telegiornale della sera era...

Visione futura zero

Senza strategia e senza alcuna visione non andiamo da nessuna parte e oggi in Italia non vi è classe dirigente che possa garantirci questo.  E come volevasi dimostrare siamo arrivati...