Ven. Mar 1st, 2024

“Povere Creature”: Il manifesto femminista di Yorgos Lanthimos tra sogno e incubo

Un viaggio di crescita e ribellione in “Poor Things” attraverso il prisma della libertà, tra mondi reali e fantastici, dove Bella Baxter sfida ogni schema per vivere la vita che ha scelto.

Di Paolo De Leo

Povere Creature “ del greco Yorgos Lanthimos. Noi appassionati di cinema per quanto ci riguarda stiamo parlando di una pellicola nei contenuti e anche in alcune dinamiche molto più simile a The Lobster e al Sacrificio del cervo sacro che non a La Favorita che al momento continuo a ritenere il più bel film del regista greco. Già dalle prime sequenze ti ritrovi immerso dentro un sogno che con il passare del tempo assomiglia  sempre più ad un incubo dove assisti al viaggio di crescita di Bella Baxter che da giovane ribelle contro ogni modello comune di comportamento cui si accompagnano  atteggiamenti stravaganti e anticonvenzionali diventa  una donna che vive la vita che si è scelta, senza evitarsi nulla, neanche ciò che potrebbe annientarla trasformando il tutto in un cammino di consapevolezza e ribellione ad ogni schema che possa imprigionarla. Un vero e proprio manifesto femminista e di questi tempi non è poco e non è male. Un film molto bello che VA VISTO. Concordo con Raffaele  splendido il cameo di Hanna Schygulla   attrice preferita di Rainer Fassbinder ( l’anziana Marta  che Bella incontra sulla nave ) Emma Stone bravissima e bellissima ( credo che l’Oscar come miglior attrice protagonista se lo possano contendere lei che probabilmente la spunterà / Lily Gladstone in Killers of the flower moon e Sandra Hüller in Anatomia di una caduta ) ma nemmeno tanto male l’interpretazione di Mark Ruffalo l’altro protagonista. Con “Perfect days “ la settimana scorsa devo dire che l’anno cinematografico è iniziato bene…e adesso andiamo avanti  the next week con : “ La Petite “. 

La scheda del film

Regia di Yorgos Lanthimos. Con Emma Stone, Mark Ruffalo, Willem Dafoe, Ramy Youssef, Christopher Abbott.

Titolo originale: Poor Things. Genere Commedia, Drammatico, USA, 2023, durata 141 minuti.

Uscita cinema giovedì 25 gennaio 2024, distribuito da Walt Disney.

Temi: corpo, anima, sessualità, crescita, diversità, emancipazione, libertà, vita, viaggio, educazione  come dice la critica è un film che è simbolo di libertà, in quanto se pur la protagonista all’inizio sembra  intrappolata in una casa da dove il suo creatore non la vuole fare uscire, poiché ritiene che è molto pericoloso il mondo esterno, lei ad un certo punto scappa con un facoltoso uomo londinese che per il suo amore finisce  in manicomio ed è molto bello il film all’inizio poiché si vede una pellicola senza coloro come i vecchi film poi  con il passare del tempo e quindi della sua crescita mentale e la sua voglia di di esplorare sia il mondo esterno che i piaceri della vita, la pellicola diventa a colori. La protagonista Bella più scopre il mondo e più allarga i propri orizzonti ed è per questo  che la maggior parte delle critiche sono concorde con il dire che questo film è simbolo di libertà. Il regista è stato in grado di sovrapporre mondi reali con mondi fantastici e far vedere sia la crudeltà che la gioia umana.

Paolo De Leo

image_printDownload in PDF