Mar. Mag 18th, 2021
Sardegna. Il grande verde

Confronto tra una mappa del 1665 e una veduta area della Sardegna

Sardegna. Il grande verde

All’interno del “Grande Verde”, come scriveva il grande egittologo francese Jean Vercoutter ( 1911 –2000) citando i Testi delle Piramidi e i Testi dei Sarcofagi, “galleggiavano” le isole degli Haou-Nebout. Isole ubicate a nord ovest dell’Egitto, dove si pensava fosse collocato l’Ade.

Se ancora pochi secoli fa non si aveva contezza della forma planimetrica della Sardegna, come è possibile che i Greci prima e i romani in seguito avessero ritenuto che Ichnusa/Ichnussa, una delle dizioni con cui veniva denominata la nostra isola, significasse “orma di piede”?

Di Giorgio Valdès
Pubblico in allegato una delle numerose, antiche cartine storiche della Sardegna che vennero stampate tra il XVI e il XVIII secolo. La mia banale considerazione è la seguente: se ancora pochi secoli fa non si aveva contezza della forma planimetrica della Sardegna, come è possibile che i Greci prima e i romani in seguito avessero ritenuto che Ichnusa/Ichnussa, una delle dizioni con cui veniva denominata la nostra isola, significasse “orma di piede”?


Ci viene allora incontro il glottologo Salvatore Dedola, osservando come “Ιχνοũσα, ̉Ιχνοũσσα è una perfetta paretimologia, ed ha la base antichissima nell’akk. iqnû‘lapislazzuli, turchese’, ‘smalto blu’ + -sû ‘the X-man’, in composto iqnû-sû > Iqnusa, che significa ‘l’uomo del Grande Verde’ e parimenti ‘quella (l’isola) del Grande Verde’”.

Il grande verde
-Mappa storica Stampa da Atlas Antico di Joan Blaeu (1665)


Con quest’ultima terminologia, come asserito anche da Giovanni Ugas, si indicava il Mediterraneo Occidentale. Terminologia presente anche nella tradizione egizia, che citava il “Wd-Wr/Grande Verde” come il mare a sua volta compreso nel “Sin/Wr”, il grande cerchio d’acqua, il fiume oceano che si riteneva circondare il mondo allora conosciuto.


All’interno del “Grande Verde”, come scriveva il grande egittologo francese Jean Vercoutter ( 1911 –2000) citando i Testi delle Piramidi e i Testi dei Sarcofagi, “galleggiavano” le isole degli Haou-Nebout. Isole ubicate a nord ovest dell’Egitto, dove si pensava fosse collocato l’Ade.

Va peraltro osservato come il rito funerario egizio esordisse con la formula: “a occidente”, e comprendesse un attraversamento delle acque per raggiungere il “Sacro Amenti”, luogo paradisiaco posto nella terra insulare ritenuta regno di Osiride, signore eterno dei “Sekhet Hanw//Yarw” (dove sekhet sigifica “campi” e hanw/yaru “canne, giunchi o erba in genere). L’Ade, come noto, era il regno dei morti, assimilabile appunto ai “Campi di Hanw” o all’”Elysium” (Campi Elisi ) (cfr. Il Paradiso in premio agli amici di Nurnet)

-Il grande verde .Veduta area della Sardegna
-Veduta area della Sardegna-

A questo proposito Salvatore Dedola scrive che i Fenici, ma anche gli Ebrei, chiamarono la nostra isola “Kadoššène, (Kadoš-Šēne = ebraico-fenicio ‘Madre Santa’). Precisamente kadoš ebr., qdš fenicio = ‘santo, sacro’; šn’ fenicio ‘maestro’ ma anche un certo tipo di ufficio (sacro). Nel fenicio šn’ sembrerebbe di poter cogliere quella che per gli Ebrei fu la ‘Terra Santa, la Terra Promessa’ ”.


Per quanto infine si riferisce al termine Haou-Nebout, con questa dizione venivano indicate non solo le isole del “Grande Verde”, ma anche i suoi abitanti, che per gli egizi ricoprivano un ruolo fondamentale tra i popoli con cui la terra dei faraoni aveva avuto a che fare, nel bene e nel male.

Termine quindi non solo geografico ma etnico, che indicava altresì “i Popoli del Mare che invaderanno l’Egitto al tempo di Mereptah e Ramesse III (1200-1100 a.C. ca)” (Berni e Chiappelli “Haou-Nebout, i Popoli del Mare”).

Tutte considerazioni che costituiscono interessanti indizi a favore della tesi, assolutamente ragionevole, che tra le isole nel Grande Verde svolgesse un ruolo fondamentale proprio la Sardegna, e che da essa provenissero quelle marinerie Shardana, che facendo parte degli Haou-Nebout assunsero, in testa ai Popoli del Mare, un ruolo egemone nel Mediterraneo occidentale, esercitando “una leadership militare di lungo periodo, dal 1500 al 1200 e oltre avanti Cristo” (intervista di Giancarlo Ghirra a Giovanni Ugas- Unione Sarda 27 ottobre 2007).


E sempre a questo proposito, Salvatore Dedola rappresenta come certezza il fatto che “ i celebri Shardana, gli invasori del Delta, uno dei Popoli del Grande Verde, non potevano che avere la propria base in Sardegna, a dispetto degli stuoli di archeologi che ancora lo negano a vantaggio della Sardi anatolica”.

Giorgio Valdès

Articolo presente anche su https://www.nurnet.net/ Il Grande Verde

1 thought on “Sardegna. Il grande verde

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *