Dom. Giu 23rd, 2024

Morte Matteo Leone, Confunisco: “Ennesima tragedia, chiediamo più sicurezza e controlli”

Ferma condanna del Presidente nazionale della Confunisco ( Confederazione ed Unione di Sindacati Autonomi) Dott. Giovanni Cafaro

Matteo Leone, 35 anni, dipendente di una cooperativa che lavorava al Porto commerciale di Salerno, è morto la notte scorsa in seguito alle gravissime ferite riportate dopo aver subito un gravissimo incidente sul lavoro avvenuto nel pomeriggio di martedì 25 maggio al Molo 10 del Porto commerciale di Salerno.

L’uomo, travolto da un carrello elevatore, è stato subito soccorso dagli operatori del 118 e trasportato all’Ospedale “San Giovanni Di Dio e Ruggi d’Aragona” ma le speranze dei medici di riuscire a salvargli la vita erano già ridotte e vane. Intorno all’una di notte, a causa dei gravissimi traumi e delle molteplici lesioni, il ragazzo è deceduto. Mentre proseguono le indagini per ricostruire le dinamiche della tragedia, sono in tanti che, in queste ore, stanno inviando messaggi di cordiglio alla famiglia, ricordi e messaggi in suffragio di Matteo Leone.

– Il Presidente nazionale della Confunisco Dott. Giovanni Cafaro-


Numerosi, inoltre, in queste ore, i messaggi di istituzioni ed Enti legati al mondo del lavoro in relazione ad un’ennesima morte sul lavoro da parte di lavoratori.
Una ferma condanna è giunta dal Presidente nazionale della Confunisco ( Confederazione ed Unione di Sindacati Autonomi) Dott. Giovanni Cafaro che, in una nota, riassume così la sua posizione: “ La Presidenza nazionale della Confunisco, in relazione alla tragica scomparsa di Matteo Leone causata da un’incidente accaduto al Porto commerciale mentre il giovane stava compiendo il suo lavoro, condanna fortemente la mancanza di sicurezza e di controlli da parte degli organi preposti e rileva fortemente l’assenza di Questura e Prefettura riguardo tali problematiche relative alla mancanza di sicurezza dei lavoratori.”. “Auspichiamo-conclude il Presidente Cafaro- un maggiore impegno rivolto non soltanto all’attenzione del rispetto degli orari di apertura e della chiusura dei locali”.

Articoli Correlati:

image_printDownload in PDF

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *