Lun. Nov 28th, 2022

A Castellabate il Premio “Pio Alferano”

Ritorna a Castellabate, nei giorni 1-3 Luglio, il premio “Pio Alferano”, illustre riconoscimento assegnato a personalità nazionali ed internazionali diretto e curato da Vittorio Sgarbi

Di Stefano Pignataro

Ritorna a Castellabate, nei giorni 1-3 Luglio, il premio “Pio Alferano”, illustre riconoscimento assegnato a personalità nazionali ed internazionali diretto e curato da Vittorio Sgarbi che si sono distinte per il loro impegno e per la loro professionalità nel campo dell’arte, della cultura, dello spettacolo e dell’informazione. Il premio, fortemente voluto dalla Nobildonna Virginia Ippolito Matarazzo, nasce per onorare la memoria del Generale dei Carabinieri Pio Alferano, strenuo difensore e paladino di legalità anche a tutela del patrimonio culturale; il suo impegno e la sua professionalità fu d’esempio soprattutto negli anni Settanta quando il suo zelo permise di recuperare inestimabili opere d’arte quando era in servizio presso Il Nucleo Tutela Patrimonio artistico ideando la prima Banca dati riguardanti beni sottratti illecitamente.

Molto ricco il parterre dei premiati anche per l’Edizione di quest’anno; il premio, consistente in una scultura in ceramica del noto scultore Livio Scarpella dal titolo “Desiderantes” avrà la sua inaugurazione presso il Castello di Castellabate stasera alle ore 20.30 con l’esegesi della mostra “ dal titolo “Il mito dell’archeologia e il sogno del gran Tour nella collezione di Giaimo” in presenza di Vittorio Sgarbi, curatore della mostra. A seguito della presentazione della mostra, spazio alla cerimonia di premiazione condotta dalla giornalista Greta Mauro.. Interessante si prospetta anche la giornata di domani: alle ore 21, presso la Piazzetta di Ogliastro Marina,nel corso della manifestazione “Il libro del giorno dopo”, verranno premiati alcuni volumi alla presenza dei loro rispettivi auturi tra cui Vittorio Sgarbi (per Raffaello, un Dio mortale), Marcello Veneziani  per La Coppia, Federico Palmaroli in arte Osho per Circola che ve ne sfanno”. I premiati di quest’anno sono: il direttore degli scavi archeologici di Pompei Gabriel Zuchtriegel, l’attore Bruno Torrisi (interprete del Generale Alferano nel film “Romanzo di una strage” di Marco Tullio Giordana), l’allenatore della nazionale di Calcio Roberto Mancini, il saggista e scrittore Marcello Veneziani, la giornalista Cesara Buonamici e l’Abate di Montevergine Riccardo Guariglia. Ricnoscimenti a parte verranno assegnati a Carmine Gorga in ricordo del figlio Tommasino scomparso tragicamente un anno fa ed alla chef Nausica Ronca già curatrice della cena di benvenuto presso l’Hotel Hermitage di San Marco di Castellabate con pietanze caratteristiche della cucina cilentana

Stefano Pignataro
Sezione Cultura
Vice coordinatore nazionale Polis SA magazine

image_printDownload in PDF