Dom. Giu 23rd, 2024

Il Convento di Sant’Anna a Genova: 4)L’Antica Farmacia Erboristica, un fascino senza tempo

La prima ‘Bottega Storica’ di Genova e il ‘Frate Erborista’ del Convento: Frate Ezio e le sue cure naturali

Il Convento di Sant’Anna a Genova

Di Antonello Rivano

Nel suggestivo quartiere di Castelletto Genova, la Chiesa di Sant’Anna, il Convento e l’Antica Farmacia Sant’Anna dei padri Carmelitani Scalzi, formano un incantevole rifugio di bellezza e spiritualità. In questa serie di quattro articoli, ci immergeremo nell’esplorazione di un gioiello architettonico e dell’eccezionale eredità dei Carmelitani Scalzi, devoti alla riforma promossa da Santa Teresa d’Avila e San Giovanni della Croce. Esploreremo anche l’antica farmacia, la prima ‘bottega storica di Genova’ con il suo motto: “Nos medicinam paramus, Deus dat nobis salutem” – Noi prepariamo le medicine, Dio ci dona la salute.

Capitoli Precedenti:
1) UN PATRIMONIO DI BELLEZZA E DEVOZIONE CON I CARMELITANI SCALZI
2) STORIA E TESORI DELLA CHIESA DI SANT’ANNA
3) UN’ OASI DI LUCE E CULTURA (La clausura, la storica biblioteca e i chiostri)


4)L’Antica Farmacia Erboristica

Nel cuore di Genova si cela un gioiello storico: il Convento di Sant’Anna, sede della prima bottega storica della città. Questo antico convento, fondato secoli fa, rappresenta non solo un importante luogo di culto, ma anche un punto di riferimento nella storia della farmacia e dell’erboristeria in Italia.

Un Viaggio nella Storia e nella Tradizione

Immaginate di varcare l’antico portale che conduce alla Farmacia del Convento, e di essere accolti da un’atmosfera impregnata di storia e di saggezza. Le alte boiserie di noce, finemente intagliate, raccontano segreti e antiche pratiche di guarigione tramandate di generazione in generazione. Gli originali arredi, dall’aspetto solenne e austero, risplendono di un fascino senza tempo, testimoniando secoli di impegno e dedizione nel curare il prossimo.

Ma non lasciarti ingannare dalla patina del tempo che avvolge questi preziosi elementi: dietro le antiche mura della farmacia, la modernità si fa strada con laboratori all’avanguardia. Qui, esperti qualificati seguono rigorose normative per la produzione di farmaci, rimedi erboristici, cosmetici e integratori, utilizzando le più recenti tecnologie e metodologie scientifiche. È un connubio unico tra passato e presente, dove la tradizione si fonde armoniosamente con l’innovazione per offrire soluzioni di cura all’avanguardia, sempre nel rispetto delle antiche conoscenze e della missione originaria della farmacia.

Interno dell’Antica farmacia ieri, in una cartolina d’epoca

Ogni angolo di questo luogo storico è permeato di una sensazione di reverenza e di rispetto per la sapienza dei predecessori, ma anche di un fervido desiderio di guardare al futuro e di abbracciare le sfide che esso porta con sé. Le pareti di pietra che custodiscono segreti antichi diventano testimoni silenziosi di una nuova era, in cui la scienza e la tecnologia si uniscono alla tradizione per offrire cure sempre più efficaci e personalizzate.

Interno dell’Antica Farmacia oggi

E così, mentre ti immergi in questa atmosfera unica, ti rendi conto che la Farmacia di Sant’Anna non è solo un luogo di cura, ma anche un ponte tra passato e futuro, tra conoscenza antica e progresso moderno. È un’oasi di speranza e di guarigione che continua a illuminare il cammino di coloro che vi si rivolgono, offrendo conforto, sollievo e, soprattutto, fiducia nel potere della cura e della guarigione.

La storia della Farmacia di Sant’Anna è intrecciata con quella del Convento dei Carmelitani Scalzi sin dalla sua fondazione nel 1650. In quei tempi lontani, la cura della salute era una missione sacra, affidata a pochi privilegiati che possedevano il sapere delle erbe e delle preparazioni medicamentose. Fra Martino di S. Antonio è stato uno di quei precursori, un uomo di fede che vedeva nella cura del corpo un riflesso dell’amore divino.

Con il passare dei decenni, la farmacia divenne un punto di riferimento per la comunità genovese, accogliendo malati e pellegrini provenienti da ogni dove. Lorenzo Robello, un medico rispettato, lasciò un’impronta indelebile nella storia della farmacia quando nel 1778 stipulò un accordo per la preparazione dei medicinali destinati al convento. Questo atto non solo confermò l’importanza della farmacia all’interno della comunità religiosa, ma la proiettò anche verso un futuro di crescita e di riconoscimento.

Il vero punto di svolta avvenne con l’arrivo di fra Domenico De Simoni, conosciuto anche come Giovanni della Croce, nel 1792. Dotato di una visione e di un’energia straordinarie, fra Domenico non solo riportò la farmacia al suo antico splendore, ma la trasformò in un vero e proprio centro di eccellenza. Sotto la sua guida, la farmacia prosperò, diventando un punto di riferimento non solo per i malati, ma anche per gli studiosi e gli appassionati di erboristeria e di farmacologia.

Le pagine ingiallite dei registri antichi narrano storie di sacrificio, di dedizione e di speranza. Fra Domenico comprendeva che la cura del corpo era solo il primo passo verso una guarigione completa, e per questo dedicava tempo e attenzione a ogni persona che varcava la soglia della sua farmacia. Il suo motto “Nos medicinam paramus, Deus dat nobis salutem” (noi prepariamo le medicine, Dio ci dona la salute) divenne un mantra per tutti coloro che operavano all’interno della farmacia, un richiamo costante alla responsabilità e alla gratitudine verso il dono della vita e della guarigione.

Oggi, la Farmacia di Sant’Anna continua la sua missione con lo stesso spirito e la stessa dedizione dei suoi fondatori. Sebbene il mondo intorno ad essa sia cambiato in modo radicale, la sua essenza rimane la stessa: un luogo di speranza, di guarigione e di amore, che continua a illuminare il cammino di coloro che si rivolgono a essa in cerca di conforto e di sollievo. La sua storia è un tributo alla resilienza umana e alla potenza della fede nel superare le avversità e nell’offrire conforto a chi ne ha bisogno.

Sono molteplici i rimedi naturali ben noti, come la Pozione di Salsapariglia per lenire nevralgie, sciatica e dolori articolari. La miscela tradizionale di Boldo e Carciofo è un valido supporto per purificare il fegato, mentre la Pozione di Altea e Poligala risulta benefica contro influenza, tosse e raffreddore. L’Eluletorococco è consigliato per contrastare l’affaticamento cronico. Oltre a questi, si contano creme, unguenti, pomate, tisane, oli essenziali e l’acclamato Sciroppo di Rose.

Durante il Novecento, all’elaborazione dei rimedi antichi si è affiancata la produzione di distillati come l’Amaro Sant’Anna, il Nocino e la grappa di miele, insieme a prodotti derivati dall‘apicoltura di alta qualità. Dagli anni settanta, il ventaglio della farmacia si è ampliato grazie a una vasta gamma di cosmetici naturali, frutto della saggezza erboristica tramandata dalla tradizione del Convento.

Le Radici Storiche nel Logo della Farmacia: Un Tributo all’Ordine Carmelitano

Il logo della Farmacia di Sant’Anna trae ispirazione da una storia millenaria che affonda le sue radici nel XIX secolo, quando gli insigni membri dell’Ordine Carmelitano plasmarono uno stemma che oggi incarna l’essenza stessa della farmacia. Questo stemma, un simbolo antico e profondamente significativo, si erge come un faro di identità per l’intero Ordine.

Al centro dello stemma campeggia una montagna stilizzata, che si slancia verso il cielo con maestosità. Questa rappresenta il Monte Carmelo in Palestina, il luogo sacro da cui trae origine l’Ordine Carmelitano, evocando così le radici spirituali e storiche dell’istituzione. Ma le suggestioni dello stemma non si esauriscono qui.

Sopra la vetta della montagna, risplendono tre stelle d’oro a sei punte, elementi che generano interpretazioni avvincenti e misteriose. Si presume che queste stelle possano simboleggiare la Vergine Maria e i profeti Elia ed Eliseo, figure di grande rilevanza nella spiritualità carmelitana. Alcuni studiosi avanzano l’ipotesi che tali stelle potrebbero anche rappresentare simbolicamente un frate carmelitano in viaggio verso la vetta del Monte Carmelo, accompagnato da altri due che hanno già compiuto il loro percorso spirituale.

Tuttavia, lo stemma non si ferma qui nella sua ricchezza simbolica. Una corona sormontata da dodici stelle, un richiamo chiaro al Regno dei Cieli, completa l’insieme, aggiungendo ulteriori strati di significato e profondità alla sua iconografia.

Questo emblema carico di storia, che oggi campeggia maestoso sul portone della Farmacia di Sant’Anna, ha attraversato i secoli portando con sé la forza e la spiritualità dell’Ordine Carmelitano. La sua presenza evoca un senso di continuità e tradizione, ricordando a tutti coloro che varcano quella soglia la profonda connessione con un passato di fede e dedizione.

Frate Ezio Battaglia: Il Frate Erborista che Accoglie e Ascolta

L’erborista carismatico dell’antica Farmacia di Sant’Anna, Frate Ezio, incarna la continuità di un sapere tramandato di generazione in generazione. Con umiltà, egli condivide la sua missione anche sui profili social, definendosi “Frate Erborista nell’antica farmacia S. Anna del Convento di Genova”, e manifestando l’intento di diffondere un messaggio di Pace, Amore e Gioia a tutti.

Da vent’anni, con dedizione e passione, guida la Farmacia di Sant’Anna con cuore, mente e anima. La sua capacità di accogliere e ascoltare le persone si rivela fondamentale nel processo di guarigione, offrendo un ambiente sicuro e rassicurante dove le persone possono aprirsi senza timore di giudizio. Nei giorni stabiliti, dedica generosamente parte del suo tempo a colloqui personali con coloro che cercano aiuto, accogliendoli con gentilezza e disponibilità nel tranquillo scenario del Convento dei Carmelitani Scalzi.

In collaborazione con l’architetto Silvia Piacentini, organizza interessanti visite guidate per mostrare da vicino gli ambienti in cui vengono preparati i rimedi a base di erbe. Durante queste visite, Frate Ezio condivide con gli ospiti alcuni segreti dell’erboristeria, offrendo loro un’opportunità unica di immergersi nella saggezza delle piante e dei fiori. “La spiritualità, la salute e l’arte sono intrecciati in un legame profondo. Vogliamo far comprendere quanto le piante e i fiori siano benefici per tutti, in particolare le rose”, afferma Frate Ezio. Durante queste occasioni, egli svela alcuni misteri dell’erboristeria, mantenendo altri riservati al suo team di confratelli.

Frate Ezio sottolinea il profondo legame tra spiritualità, salute e arte, e si impegna a diffondere questa consapevolezza durante le visite guidate. Tuttavia, il suo coinvolgimento non si limita alla Farmacia: accoglie i visitatori di fronte alla maestosa Chiesa di Sant’Anna, invitandoli a scoprire le meraviglie di questo luogo di preghiera che risale al XVI secolo (leggi STORIA E TESORI DELLA CHIESA DI SANT’ANNA)

Oltre alla sua attività quotidiana, ha collaborato con l’emittente SAT 2000, apparendo nella trasmissione “Il mio medico” condotta da Monica Di Loreto. Questa collaborazione ha contribuito a diffondere il suo messaggio di benessere e conoscenza a un pubblico più ampio.

Dal 2010, la Farmacia di Sant’Anna si è impegnata nel rinnovare i propri strumenti di comunicazione per diffondere meglio la conoscenza della sua tradizione centenaria. Grazie alle abilità comunicative di Frate Ezio, la farmacia oggi dispone di un sito web con servizio di e-commerce ed è attiva sui social media, condividendo la sua ricca eredità e offrendo consigli e novità attraverso newsletter informative.

Per rimanere sempre aggiornati sulle attività della farmacia e ricevere i consigli e le novità di Frate Ezio, è possibile iscriversi alla newsletter.

In conclusione, emerge non solo come un erborista competente, ma anche come un faro di conoscenza e benessere nel cuore del Convento Carmelitano. La sua dedizione e il suo impegno continuo nella diffusione della salute e della spiritualità lasciano un’impronta duratura su coloro che lo incontrano.
[FINE]

Tutti i capitoli già pubblicati


Per saperne di più

Il Libro di Frate Ezio: Una Guida alla Salute Naturale

Il libro “I rimedi di Frate Ezio: 600 ricette erboristiche per la nostra salute” (EFFTA’ Editrice) rappresenta il prezioso contributo di Frate Ezio alla promozione della salute naturale. Quest’opera, ricca di curiosità, consigli e rimedi, offre un moderno ricettario accessibile a tutti, progettato per avvicinare il lettore al mondo delle piante medicinali in modo corretto e informativo. Con una presentazione di 80 piante dalle proprietà benefiche e una varietà di ricette per ciascuna pianta, il libro fornisce spiegazioni chiare e accessibili, arricchite da glossari per facilitare la comprensione dell’erboristeria.

È un’opportunità per esplorare antiche credenze e tradizioni legate al potere curativo delle erbe, pur mantenendo sempre presente che le informazioni fornite non intendono sostituire il consiglio medico professionale.

Le Visite Guidate: Un Viaggio nel Cuore del Convento

Frate Ezio, insieme all’architetto Silvia Piacentini, organizza affascinanti visite guidate al Convento di Sant’Anna a Genova. Durante queste visite, i partecipanti hanno l’opportunità di scoprire la storia e la bellezza del convento, esplorando la chiesa del XVI secolo, il presepe artistico, il roseto e l’Antica Farmacia dei Frati Carmelitani Scalzi. Le visite offrono un’immersione nei rimedi erboristici tradizionali, nei cosmetici naturali e in molti altri tesori nascosti del convento.

Il Roseto_Foto di Wanda Benati

Inoltre, una volta al mese è prevista la visita guidata di parti del convento solitamente non accessibili al pubblico, come la galleria dei ritratti, i due chiostri e la magnifica Biblioteca Storica. Queste visite gratuite offrono un’opportunità unica per conoscere da vicino la ricca storia e la tradizione del Convento di Sant’Anna. Per prenotare o per ulteriori informazioni sulle visite guidate, è possibile contattare Silvia Piacentini al numero 010 2513285 o via e-mail: silvia.piacentini@erboristeriadeifrati.it.

La Storia del Convento di Sant’Anna e della sua Antica Farmacia in un libro

Per coloro interessati a una comprensione dettagliata della storia del Convento di Sant’Anna a Genova, “Il convento di Sant’Anna e la sua Antica farmacia” (SAGEP edizioni) rappresenta un’opportunità unica. Quest’opera, curata da Enzo Battaglia e Silvia Piacentini e pubblicata da SAGEP Editore, offre un’esplorazione ricca e approfondita dei secoli di storia del convento e della sua farmacia secolare. Attraverso una narrazione accurata e una ricerca meticolosa, il libro fornisce una panoramica completa del patrimonio culturale e spirituale del Convento di Sant’Anna.

Per chi desidera saperne di più su questa importante istituzione, il libro rappresenta una risorsa preziosa. Per ulteriori informazioni su questo volume, puoi consultare il link qui di seguito: Il convento di Sant’Anna e la sua Antica farmacia.

Antonello Rivano
Direttore di redazione/coordinatore nazionale Polis SA Magazine



image_printDownload in PDF