SCUOLA UNIVERSITA’ CAMBIAMENTO

Al di là dei problemi di oggi, che cosa vogliamo essere fra venti anni? Per quale prospettiva dobbiamo impegnare i lavoratori della cultura?

Ad un anno dalla comparsa del COVID in Italia qualcuno comincia a discutere di ‘cambiamento’ nelle Scuole e nelle Università

Di Maria Rosaria Onorato

I giornali scrivono di prolungamento del calendario, e se, invece,  ci concentrassimo,  su cosa rende la scuola una “buona scuola”? 

E se l’l’ingrediente indispensabile per una scuola efficace non fosse la tecnologia, ma la regia del ‘Prof’ e le metodologie che sceglie per coinvolgere i propri ragazzi, con o senza strumenti digitali?

L’innovazione a scuola  dipende o no da tool sofisticati  e/o  da piattaforme alla moda?

Non sarà più utile rendere gli studenti protagonisti del loro stesso percorso di apprendimento? Magari proponendo attività che preparino i ragazzi ad un futuro in cui dovranno risolvere problemi nuovi e inaspettati, pensare in modo critico e autonomo e sviluppare idee creative…

Al di là dei problemi di oggi, che cosa vogliamo essere fra venti anni? Per quale prospettiva  dobbiamo impegnare i lavoratori della cultura?

Il mondo della cultura ha un progetto per la società futura?

Ad un anno dalla comparsa del COVID in Italia qualcuno comincia a discutere di ‘cambiamento’ nelle Scuole e nelle Università

In diretta sulla pagina FB di ne parleranno Domenica 21 marzo  alle h. 19.00  il prof. Giuseppe Foscari, la prof.ssa Giuliana Gentile e Filippo Polo (studente del Liceo ‘R.Caccioppoli’ di Scafati).

Maria Rosaria Onorato

Contatti: redazione.polissamagazine@edizionipolis.it

Seuigi anche su :
Twitter Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *